Pagine

venerdì 17 febbraio 2012

Come un soldato dell'89 e altre metamorfosi.

A. - Ciaoooooooooooooooooo! Oddio: sembri un soldato dell'89.
Charlotte e gli scorpioni - Ciaaaaaaaaaaaaaao! Grazie, qualunque cosa tu abbia voluto dire, lo prendo per un complimento.
A. - Veramente, sembri un soldato dell'89.

Charlotte sente il petto gonfiarsi; questo è un complimento: A. mi ha tolto 8 anni. Gli scorpioni però tirano il freno: per una del 2005 uno dell'89 è un vecchio. In realtà voleva dire sembri un soldato della prima guerra mondiale ma la sua testa da 7enne non arriva a pensare tanto indietro nel tempo. La fine degli anni '80 è già una roba da Matusalemme. Calma.

A. - Mio nonno è morto.
C. & ss. - Nooo! Mi dispiace, piccoletta.
A. - E il mio criceto sta male.
C. & ss. - Ossignore: si direbbe che hai Saturno contro. Forse è meglio non uscire questi giorni.
A. - No, il criceto ha mal di pancia, io pure ce l'ho. Però oggi gli abbiamo fatto il brodino. Lui provava a berlo, ma beveva beveva e il brodino restava sempre lì.
C. & ss. - Mica glielo hai messo nel piatto?
A. - Nooooooooo! E' buffo: lui non è capace di mangiare il brodo, io però lo aiutavo.
C. & ss. - Devi avere pazienza con quelli che non sanno fare le cose. Se non sanno fare una cosa non significa che siano stupidi. Comunque brava che ti prendi cura di quelli che non possono prendersi cura di loro stessi. Ma scusa, il nonno è passato in secondo piano di fronte al criceto malaticcio?
A. - Che c'entra. Sono triste, io. Il nonno è andato lontano: in Paradiso.
C. & ss. - Starà bene, in buona compagnia.
A. - Lo so. Ma il criceto invece se ha mal di pancia sulla terra, soffre e basta.

Charlotte & co. vorrebbero sciogliersi in un pianto a dirotto. Ma di fronte a questo tesorino per modo di dire non ci si possono permettere passi falsi, lo sanno tutti. E' tempo di sfoderare la freddezza del soldato dell'89.

C. & ss. - Cavolo, piccoletta, quanto sei saggia.
A. - Perché mi guardi con quegli occhi?
C. & ss. - Ho solo questi, A., mi dispiace. Cos'hanno che non va?
A. - E' che mi guardi un po' così.
C. & ss. - Ti guardo come ti guarderebbe un soldato dell'89.
A. - Vabbè, però...
C. & ss. - Però cosa?
A. - Mi puoi dare un bacino?
C. & ss. - Certo, aspetta che mi metto le scarpette.
A. - Aspettaaspettaaspettaaspettaaspetta! Che cos'è questa cosa sull'alluce?

A lei non sfugge niente. Le potrei chiedere se mi sono fatta bene la ceretta, se lo smalto secondo lei è da cambiare o posso rimandare la manicure di qualche giorno. Poi le potrei chiedere se mi trova ingrassata o sciupata, se oggi ho più o meno occhiaie di ieri e se devo farmi il trapianto del collo del piede. Potrei. Ma non lo farò perché ho paura di sentire le risposte: oggi tutto, ma non la verità.

C. & ss. - Si chiama callo.
A. - E' come un ossicino in più, ho capito. Lo posso toccare?
C. & ss. - No, ma che me lo chiedi a fare? L'hai già toccato.
A. - Che schifo. Ce l'ha anche mia nonna.
C. & ss. - Che coincidenza. Scommetto che è dell'89 pure lei.
A. - Boooooooooooooooh. Ora lo chiedo a papà.
(C. & ss. - Papà non verrà, come te lo devo dire?)

Charlotte e gli scorpioni hanno paura di A., e questo forse spiega gli occhi un po' così. Questi occhi da soldato dell'89, un po' triste perdipiù, guardano questa creatura divina e, mentre lo fanno, accettano automaticamente l'esistenza del diavolo su questa terra. Cosa riuscirà ancora ad uscire dalla sua bocca? Scappiamo in sala prima di perdere anche l'ultimo briciolo di autostima.
A. - Che c'è?
C. & ss. - Sono in ritardo: devo andare in sala.
A. - Nooooooooooooo, le altre sono tutte qui, resta con me fin quando papà non arriva.

Papà non arriverà, piccola A., arrenditi al fatto che diventerai una bambina che dovrà cavarsela da sola. In questo mondo crudele e ingiusto tu, comunque, te la caverai meglio di me. Non c'è dubbio. Tu non avrai paura di dire la verità; non ti preoccuperai se le tue parole arriveranno come pugnalate in piena pancia quando la tartaruga dorme; tu non farai finta di capire se non hai capito; non dirai sì se pensi no, non abbasserai lo sguardo se qualcuno ti guarderà troppo a lungo. Tu non dirai buono se è cattivo, bello se è brutto, giusto se è sbagliato, sempre se è mai. E i se non saranno un dilemma, mentre i quindi arriveranno da sè.

C. & ss. - Ti sei accorta che ho tolto la giacca mimetica? Sono ancora un soldato?
A. - Ma nooooooooooooooooooooooo. Ora sembri una ballerina bella.
C. & ss. - (Scorpioni, non chiedetele di che anno. Ormai conosciamo la sua idea di tempo ed è controproduttivo - ops controproducente - mettere il dito in una ferita aperta). Sono commossa, tesorina: tuo padre è arrivato. Ciao, piccola A., anche per oggi ti è andata bene.

E, tutto sommato, è andata bene anche a me. Da lunetta che ero, sono diventata un soldato dell'89 e, dopo l'ultima metamorfosi o presunta tale, ero un qualcosa che assomigliava ad una ballerina bella.
Poi mi è andata bene perché: ho capito che la verità non fa venire l'orticaria e che mentire a fin di bene è a fin di bene un par di palle. Ho capito che, se sei triste, sei triste, quindi non dire che sei felice. Che se non ti va, puoi dire no e se ti va ancora puoi dire ancora. E basta.
Ho capito che il valzer degli addii si impara danzando e che prendersi cura di quelli che non si prenderanno cura di te è una medicina. Ho capito che la malinconia ad un certo punto arriva al mare e si perde e che tu ti ritrovi, pure sei un disastro totale, che il tempo stringe e i bilanci trafiggono la tua idea di eternità. Che parlare di cose tristi attutisce la tristezza e che non è colpa tua se un giorno ti svegli e sei un po' così, quindi guardi tutti un po' così. Che le responsabilità vanno prese e i rischi messi in conto. Che le lacrime dietro un sorriso le vede solo la mamma e che lei, alla fine, c'è. Anche se tu sei un impiastro di donna o un aspirante uomo, un potenziale genio o un conclamato scemo. Che stare soli a volte porta bene e che essere superstiziosi porta male. Soprattutto di venerdì 17.
Che senza A. non mi sarei fatta questo viaggio mentale senza colonna sonora e che è un peccato che da grandi si perda la spontaneità. Che se distruggi l'autostima poi la ricostruisci e che distruggere è un punto di partenza più che un punto di vista.

Cara A., quando la mia vita starà per prendere una piega troppo superficiale ti verrò a cercare per fare due chiacchiere. Faremo finta di essere ballerine grandi o soldati in trincea; ad una certa ora faremo merenda e poi prepareremo la merenda per il criceto e vedremo se finalmente ha imparato a mangiare da solo e se anche un criceto può, in questo mondo capovolto, sopravvivere al mal di pancia.
Però i muffin non glieli diamo più, va bene? Papà ha detto che il veterinario è stato categorico.
Con affetto, tua C. & ss. 


26 commenti:

  1. ora mille domande ma la cosa che ancora mi fa sorridere il cuore pensandoti è il tuo modo
    di leggere il Mondo.
    E' sempre stata una cosa che mi stupiva e che continua a stupirmi e se sai stupire gli altri vuol dire che sai stupirti del mondo e che
    ancora è viva e meravigliosa la tua eterna giovinezza... eh si e sappiamo di cosa stiamo parlando!
    Mostra al mondo la meavigliosa perla, nessuno può rubartela...nono e non smettere di ammirarla, con umiltà e semplicità si, ma con ammirazione.

    RispondiElimina
  2. Tu, toro adorabile. ti voglio benissimo.

    RispondiElimina
  3. .....la malinconia a un certo punto arriva al mare ....è una frase bellissima insieme a tante altre che hai pensato nel tuo viaggio mentale ........hai detto tante cose vere r incoraggianti .....leggo e rileggo grazie ciao gemelli

    RispondiElimina
  4. grazie a te, gemelli. a volte i viaggi mentali sono più lunghi del previsto. e la borraccia che pensavi bastasse per il tragitto non basta. e hai fretta di ritornare a casa perché, anche se non ti pareva di aver sete, una volta che scopri che la borraccia è in esaurimento, ti viene automaticamente. poi però trovi sempre qualche fonte buona. non te l'aspettavi. ed è perché non te l'aspettavi che acquista valore inestimabile. e il viaggio diventa incredibile di nuovo. delirio da scorpioni? di tanto in tanto li assecondo, sì. però stasera film. bisou.

    RispondiElimina
  5. .....vorrei stampare il tuo brano da "poi mi è andata bene .... e attaccarlo al frigo con una delle tante calamite souvenir penso che "dargli una sbirciatina " ogni tanto faccia bene a tutti . pensi che possa farlo ? in attesa di un" Suo riscontro " un salutone ciao gemelli

    RispondiElimina
  6. Certo, gemelli, stampa pure da dove vuoi e attacca al frigo, se credi che dare una sbirciatina ogni tanto al mio viaggio possa esserti d'aiuto di tanto in tanto. Permesso da Charlotte e scorpioni accordato. Buona domenica bella a te. Bisou

    RispondiElimina
  7. Sua militante Maestà, una questio sovviene a quest'umile virgo, allontanandola in questo volger inizio dell'ora notturna dalle premurose baccia di Morfeo, e gettandola in pasto a baluginanti pensieri dubbiosi e cogitabondi....
    ..i bilanci trafiggono l'idea di eternità, o le idee sono eterne trascendendo così la caducità della vita e del corpo che ci dà sembiante?
    mi trovo peraltro felicemente concorde che la distruzione sia più una porta che un porto (d'approdo)...
    necessariamente catartica...
    perchè solo dopo che si è perso tutto si è liberi di fare qualsiasi cosa...
    ordunque che sia anch'essa foriera di indulgene plenarie?
    i miei più rispoettosi osseequi a sua Maestà e alla sua aracnide corte...

    RispondiElimina
  8. ....una questio sovviene .... che cosa ha detto questo anadir qua sopra ? mi sembra celentano se questo doveva essere un commento chiarificatore,,,,,,,,,,, buon giorno anche se il tempo è brutto e non ci rallegra gemelli

    RispondiElimina
  9. Caro Anadir, o vergine che dir si voglia, lo so che vuol dire quando il dubbio ti scaraventa giù dal letto o peggio ti impedisce di addormentarti. Ordunque ti rispondo al primo quesito che mi poni. i bilanci trafiggono l'idea di eternità e lo fanno nei giorni in cui ti svegli un po' così e guardi tutti un po' così. Ma le idee, per fortuna, restano eterne ed è grazie a loro che si sperimenta la parte glitterata e ultraterrena della vita, quella che non è sottoposta alle leggi del tempo e alla gravità. Distruggere per ricominciare o per ritrovarsi è fonte di indulgenza plenaria. Ma anche di eterna giovinezza cerebrale. Rispettosi ossequi a voi viriginea creatura da Charlotte e i suoi scorpioni scesi dal trono per via di un certo appetito dopo la misera cena a base di verdura lessa di ieri sera.

    RispondiElimina
  10. Caro Gemelli, i commenti non devono essere per forza chiarificatori... possono anche essere punto di partenza per altri viaggi. Quei viaggi che si fanno all'improvviso in un giorno di pioggia qualunque quando tutto sembra normale e d'improvviso, per nessuna ragione in particolare, diventa speciale. Quindi, please, sei pregata di togliere modalità muso dalla faccia anche se piove o pioverà: è un giorno meraviglioso per i gemelli. Poi mi farai sapere. Bisou da Charlotte e gli scorpioni.

    RispondiElimina
  11. ....allora . come fanno le idee a restare eterne ? poi, perchè usare quel "glitterata " da to glitter mai sentito .... mi piace" distruggere per ricominciare " ma forse distruggere è troppo negativo meglio cambiare per ricominciare la giornata è discreta nonostante la pioggia comperate allegre primule per colorare il terrazzo pietoso dopo la neve ciao

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Caro Gemelli, giammai avuto intento chiarificatore di alcunché…
    Mi appartengono più umili, e incerte, pretese…
    Nel porgerLe i miei saluti, chiedo venia laddove possa aver fatto intendere diversamente…

    RispondiElimina
  14. Grato a Sua Maestà per aver sciolto cotal nodo di Gorgia...
    anche perchè volere rimanere forever25 è di per sè una speme di eternità... o sbagliommi??
    Grato per questi sassi che Voi gettate... e che noi plebe prima o poi raccogliamo... prodromi di viaggi, ancorchè non fisici, mentali...
    E permettetemi di rammentare ai Vostri fidi aracnidi che vedranno albe, o tramonti, in cui agogneranno quel verde fogliame di vaporea cottura, per via di qualche desco alla bile indigesto...
    A Loro, e soprattutto a Voi, i più ossequiosi omaggi da tal umìl creatura...

    RispondiElimina
  15. .....io tarzan, tu jane .....L'Accademia della Crusca ha scritto tanti saggi sull'evoluzione della lingua italiana e sulla semantica ..... un saluto a tutti ..... gemelli

    RispondiElimina
  16. ciao gemelli, allora:
    1) idee - alcune possono rimanere eterne, altre cambiano ed è giusto così. difficile cercare spiegazioni più scientifiche...
    2) glitter - brillantinoso, luccicante, brillante (!!!)
    3) vada per ricominciare
    4) come stanno le tue primule?e come stai tu?
    bisou

    RispondiElimina
  17. Anadir, è verità: rimanere forever25 è speme di eternità. Ma forse anche di desiderio che le idee da 25enne restino infinitamente libere di portarmi in spazi mentali che da over25 è difficile affrontare.
    besos da charlotte e da sue aracnidi creature ;)

    RispondiElimina
  18. buongiorno a chi, ha dormito questa notte, è ancora in vestaglia, non ha ansie o paure , ha qualche dolorino qua e là, spera che sia una giornata di sole, odia il vento anche se è di mare , ha già qualche cosa da fare , non vuole brutte notizie , spera in qualche vittoria , anche su se stesso . ha già preso il caffè . ciao gemelli

    RispondiElimina
  19. Buongiorno a te, gemelli. oggi di buonumore dunque ;) ma un altro caffè è concesso?

    RispondiElimina
  20. io me lo sto preparando e te lo offro virtualmente ....con o senza zucchero ?

    RispondiElimina
  21. grazie del pensiero. quale dei due gemelli è così gentile? ;) (io senza zucchero)

    RispondiElimina
  22. . ...entrambi ,naturalmente .. ci fai anche risparmiare con lo zucchero rincarato .. ( non c'entra niente ,ma non si potrebbero scrivere meglio le lettere da copiare ?)

    RispondiElimina
  23. in che senso meglio, gemelli? vuoi dire con una calligrafia migliore? ;) oppure: vuoi essere più precisa? gli scorpioni si dicono disponibili a tentare, ma devono sapere di più.

    RispondiElimina
  24. alcune lettere sono troppo sfumate , appiccicate e si confondono il modo di scriverle è originale ....ma forse è solo un mio problema gli scorpioni disponibili sono molto rari .....buona televisione o buona notte o buon tutto quello che farai gemelli

    RispondiElimina
  25. Accetto la buonanotte, gemelli. e mi interrogo su cosa tu intenda per lettere appiccicate... gli scorpioni, non sono tutti uguali. come gli uomini, le bugie, le verità, i silenzi. bonne nuit

    RispondiElimina
  26. ....se tu guardassi le lettere che si devono scrivere , antispam,credo prima di postare capiresti e conciosiacosache ,come dicevamo al liceo , buongiorno

    RispondiElimina